L'Almanacco di Gherardo Casaglia

ALMANACCO

Nel box sottostante è possibile effettuare una ricerca mirata su oltre 180.000 records, contenuti in archivio, di informazioni su tutta la musica.

Cerca un avvenimento:

  Data:    ,   Testo:   
Stringa   Parola Intera   Parte di parola



Occorrenze trovate: 1

< Precedente
Pagina 1 di 1
Successiva >

> 16 Maggio 1829, Sabato
premières (insuccesso) per l'inaugurazione del Nuovo Ducale Teatro di Parma (1.800 posti, arch.Bottoli) di "Zaira", tragedia lirica (opera seria) in 2 atti e 6 scene di Vincenzo Bellini, libretto di Felice Romani (da Voltaire: "Zaïre"), dirige Ferdinando Melchiorri "Gesuit" (1° violino), concertatore al cembalo Ferdinando Simonis, maestri del coro Pellegrino Toschi e Giovanni Alinovi, scenografia di Giuseppe Giorgi, Pietro Piazza e Giuseppe Boccaccio {soprani Henriette Méric-Lalande (Zaira) e Marietta Sacchi (Fatima), mezzosoprano "en travesti" Teresa Cecconi (Nerestano), tenori Carlo Trezzini (Corasmino) e Francesco Antonio Biscottini (Castiglione), baritono Jean-François "Giovanni" Inchindi/Mario Rinaudo (Lusignano), bassi Luigi Lablache (Orosmane) e Pietro Ansiglioni (Meledor)} e di "Oreste", ballo serio di Luigi Maria Viviani e Antonio Cortesi, soggetto e coreografia di Antonio Cortesi, dirige Giovanni Bignami {ballerine Teresa Olivieri, Antonia Torelli e Chiarina Rebaudengo, mima Antonia Pallerini (Elettra), ballerini Luigi Maglietta e Tedoro Martin, mimo Nicola Molinari (Oreste)} (alla presenza dei duchi di Modena Francesco IV e Beatrice Vittoria di Sardegna)