L'Almanacco di Gherardo Casaglia

ALMANACCO

Nel box sottostante è possibile effettuare una ricerca mirata su oltre 180.000 records, contenuti in archivio, di informazioni su tutta la musica.

Cerca un avvenimento:

  Data:    ,   Testo:   
Stringa   Parola Intera   Parte di parola



Occorrenze trovate: 41

< Precedente
Pagina 1 di 2
Successiva >

> 14 Settembre 1832, Venerdì
nasce a Cantiano (Pesaro) il tenore Giuseppe Capponi
> 10 Gennaio 1859, Lunedì
première nel Teatro Valle di Roma di ""Almina"", melodramma semiserio in 3 parti di Francesco Cortesi, libretto di Leopoldo Micciarelli {soprani Francesca Quadri (Lisetta), Carlotta Ghirlanda-Tortolini (Almina) e Iturbida Narini (Ghita), tenori Giuseppe Capponi (Alberto-Alfonso), Francesco Venanzi (Checco) e Stefano Sala (Nane), bassi Giuseppe Ciampi (Beppo) e Luigi Rossi Galli (Don Ottavio)}
> 19 Febbraio 1863, Giovedì
prima rappresentazione nella Salle Ventadour du Théâtre-Italien (Théâtre des Italiens) di Parigi di "Alessandro Stradella" ("Stradella"), opera romantica (2° versione) in 3 atti di Friedrich von Flotow, libretto di Friedrich Wilhelm Riese "Wilhelm Friedrich" (da Philippe-Auguste-Alfred Pittaud de Forges [Deforges] & Paul Eugène Duport "Paulin", da Émile Deschamps e da Emiliano Pacini), traduzione italiana di Calisto [Callisto] Bassi {soprano leggero Marie Battu (Leonora), tenori leggero Emilio [Émile] Naudin (Alessandro Stradella) e Giuseppe Capponi (Barbarino), bassi buffo Giovanni Zucchini (Bassi) e Enrico Delle Sedie (Malvolio)}
> 25 Dicembre 1865, Lunedì
prima rappresentazione nel Teatro Regio di Parma di "L'africana" ("L'africaine", "Vasco de Gama"), grand-opera (opera-ballo) in 5 atti, 25 scene e 22 numeri di Giacomo Meyerbeer (completata e rivista in 26 scene da François-Joseph Fétis), libretto di Eugène Scribe (adattato da Charlotte Birsch-Pfeiffer e Camille Du Locle), traduzione italiana di Marco Marcelliano Marcello, dirige Giulio Cesare Ferrarini, concertatore Giovanni Rossi, maestro del coro Giuseppe Griffini, scenografia di Girolamo Magnani {soprani drammatico Luisa Kapp Young (Sélika) e Elisa Galli (Inés), mezzosoprano Elvira Stecchi (Anna), tenori eroico Giuseppe Capponi (Vasco de Gama), Alessandro Boetti (Don Alvaro) e Antonio Galletti (usciere/sacerdote), baritono Vincenzo Quintilii Leoni (Nélusko), bassi Ernesto Daneri (Don Pédro), Nicola Adoni (gran Sacerdote/Don Diego) e Raimondo Buffagni (grande Inquisitore)}
> 15 Gennaio 1866, Lunedì
première nel Teatro Regio di Parma di ""Zulema la schiava"", gran ballo di Ettore Barracani, soggetto e coreografia del compositore, dirige Giuseppe Carlucci {ballerine Emma Ricci (Zulema) e Malvina Danesi (Malika), ballerini Ettore Barracani (), Domenico Barracani (Maometto), Gaetano Prisco (Omar), Daniele Gamberini (Seyf) e Luigi Righetti (Hussein)} e replica del 1°, 2° e 5° atto di ""L'africana"" (""L'africaine"", ""Vasco de Gama""), grand-opera (opera-ballo) in 5 atti, 25 scene e 22 numeri di Giacomo Meyerbeer (completata e rivista in 26 scene da François-Joseph Fétis), libretto di Eugène Scribe (adattato da Charlotte Birsch-Pfeiffer e Camille Du Locle), traduzione italiana di Marco Marcelliano Marcello, dirige Giulio Cesare Ferrarini, concertatore Giovanni Rossi, maestro del coro Giuseppe Griffini {soprani drammatico Luisa Kapp Young (Sélika) e Elisa Galli (Inés), mezzosoprano Elvira Stecchi (Anna), tenori eroico Giuseppe Capponi (Vasco de Gama), Alessandro Boetti (Don Alvaro) e Antonio Galletti/Antonio Montesi (usciere/sacerdote), baritono Vincenzo Quintilii Leoni (Nélusko), bassi Ernesto Daneri (Don Pédro), Nicola Adoni (gran Sacerdote/Don Diego) e Raimondo Buffagni (grande Inquisitore)}, scenografie di Girolamo Magnani
> 21 Gennaio 1866, Domenica
première nel Teatro Regio di Parma di ""Niccolò de' Lapi"", opera di Giovanni Rossi, libretto di Icilio Piroli, dirige Giulio Cesare Ferrarini, concertatore il compositore, maestro del coro Giuseppe Griffini {soprani drammatico Luisa Kapp Young (Sélika) e Elisa Galli (Lisa), mezzosoprano Elvira Stecchi (Fede), tenori eroico Giuseppe Capponi (Lamberto) e Alessandro Boetti (Bindo), baritono Vincenzo Quintilii Leoni (Niccolò de' Lapi), bassi Ernesto Daneri (Ghino degli Ardinghelli), Nicola Adoni (Benedetto De' Nobili) e Raimondo Buffagni (Baccio Valori)} e replica di ""Zulema la schiava"", gran ballo di Ettore Barracani, soggetto e coreografia del compositore, dirige Giuseppe Carlucci {ballerine Emma Ricci (Zulema) e Malvina Danesi (Malika), ballerini Ettore Barracani (), Domenico Barracani (Maometto), Gaetano Prisco (Omar), Daniele Gamberini (Seyf) e Luigi Righetti (Hussein)}, scenografie di Girolamo Magnani
> 10 Febbraio 1866, Sabato
ripresa nel Teatro Regio di Parma di "Rigoletto", melodramma in 3 atti e 20 numeri di Giuseppe Verdi, libretto di Francesco Maria Piave (da Victor Hugo: "Le roi s'amuse"), dirige Giulio Cesare Ferrarini, concertatore Giovanni Rossi, maestro del coro Giuseppe Griffini, scenografia di Girolamo Magnani {soprano lirico coloratura Elisa Galli (Gilda), mezzosoprani buffo Giulietta Sabbatini (Maddalena), Elvira Stecchi (Giovanna) e (contessa Ceprano/paggio), tenori lirico Giuseppe Capponi (duca di Mantova) e buffo Antonio Galletti (Matteo Borsa), baritono lirico Vincenzo Quintilii Leoni (Rigoletto), bassi (Ceprano/usciere), Nicola Adoni (Monterone), Raimondo Buffagni (Marullo) e serio Ernesto Daneri (Sparafucile)}
> 25 Ottobre 1867, Venerdì
prova generale nel Teatro Comunale di Bologna di "Don Carlos", grand-opera-ballo (1° versione) in 5 atti, 8 quadri e 1 balletto di Giuseppe Verdi, libretto di François-Joseph Pierre André Méry e Camille du Locle (da Friedrich Schiller: "Don Carlos, Infant von Spanien", da César Vichard: "Histoire de Dom Carlos", da Thomas Otway: "Don Carlos, Prince of Spain", da William Hickling Prescott: "History of Philip II" e da Pierre Étienne Piestre "Eugène Cormon": "Philippe II, roi d'Espagne"), traduzione italiana di Achille de Lauzières-Thémines e Angelo Zanardini, dirige Angelo Mariani, concertatore Carlo Verardi (1° violino), sostituto Alessandro Busi, maestro del coro Alessandro Moreschi, regia e coreografia di Carlo de Blasis, scenografia di Tito Azzolini, Ambrogio Badiali, Francesco Bortolotti, Gaetano Malagodi, Alfonso Trombetti e Annibale Marini {soprani lirico-drammatico Teresina Stolz (Elisabetta di Valois) e "en travesti" Rosa Bruzzone (Tebaldo), mezzosoprano Antonietta Fricci (principessa Eboli), tenori lirico Giorgio Stigelli (Don Carlos) e Carlo Casarini (conte di Lerma/araldo), baritono Antonio Cotogni (Rodrigo di Posa), bassi serio Giovanni Giuseppe Capponi (Filippo II), Luigi Rossi-Morelli (Grande Inquisitore) e lirico Pietro Milesi (frate) e 6 deputati fiamminghi/inquisitori, mima (contessa Aremberg)}, con "La Peregrina", divertimento danzante del 3° atto, soggetto e coreografia di Lucien Petipa {ballerine Erminda Lambertini (regina delle acque), (paggio), (perla bianca), (perla rosa) e (perla nera), ballerino (pescatore)}
> 27 Ottobre 1867, Domenica
première nel Teatro Comunale di Bologna di "Torquato Tasso", ballo di Costantino Dall'Argine, soggetto e coreografia di Raffaele Rossi, dirige Giovanni Bolelli (1° violino) e prima rappresentazione di "Don Carlos", grand-opera-ballo (1° versione) in 5 atti, 8 quadri e 1 balletto di Giuseppe Verdi, libretto di François-Joseph Pierre André Méry e Camille du Locle (da Friedrich Schiller: "Don Carlos, Infant von Spanien", da César Vichard: "Histoire de Dom Carlos", da Thomas Otway: "Don Carlos, Prince of Spain", da William Hickling Prescott: "History of Philip II" e da Pierre Étienne Piestre "Eugène Cormon": "Philippe II, roi d'Espagne"), traduzione italiana di Achille de Lauzières-Thémines e Angelo Zanardini, dirige Angelo Mariani, concertatore Carlo Verardi (1° violino), sostituto Alessandro Busi, maestro del coro Alessandro Moreschi, regia e coreografia di Carlo de Blasis, scenografia di Tito Azzolini, Ambrogio Badiali, Francesco Bortolotti, Gaetano Malagodi, Alfonso Trombetti e Annibale Marini {soprani lirico-drammatico Teresina Stolz (Elisabetta di Valois) e "en travesti" Rosa Bruzzone (Tebaldo), mezzosoprano Antonietta Fricci (principessa Eboli), tenori lirico Giorgio Stigelli (Don Carlos) e Carlo Casarini (conte di Lerma/araldo), baritono Antonio Cotogni (Rodrigo di Posa), bassi serio Giovanni Giuseppe Capponi (Filippo II), Luigi Rossi-Morelli (Grande Inquisitore) e lirico Pietro Milesi (frate) e 6 deputati fiamminghi/inquisitori, mima (contessa Aremberg)}, con "La Peregrina", divertimento danzante del 3° atto, soggetto e coreografia di Lucien Petipa {ballerine Erminda Lambertini (regina delle acque), (paggio), (perla bianca), (perla rosa) e (perla nera), ballerino (pescatore)}
> 4 Dicembre 1867, Mercoledì
ripresa nel Teatro Comunale di Bologna di "Un ballo in maschera", melodramma tragico in 3 atti, 6 quadri e 17 scene di Giuseppe Verdi, libretto (versione "di Boston") di Antonio Somma (da Eugène Scribe: "Gustave III ou Le bal masqué"), dirige Angelo Mariani, concertatore Carlo Verardi (1° violino), sostituto Alessandro Busi, maestro del coro Alessandro Moreschi, scenografia di Tito Azzolini, Ambrogio Badiali, Francesco Bortolotti, Gaetano Malagodi, Alfonso Trombetti e Annibale Marini {soprani drammatico Teresina Stolz (Amelia) e leggero-lirico coloratura "en travesti" Giuseppina Vitali-Augusti (Oscar), mezzosoprano drammatico Sofia Scalchi (Ulrica), tenori lirico Lorenzo Abrugnedo (Riccardo di Warwick) e Carlo Casarini (giudice/servo), baritono Antonio Cotogni (Renato), bassi di carattere Luigi Rossi (Silvano), Giovanni Giuseppe Capponi (Samuel) e Pietro Milesi (Tom)} e première di "La peregrina", balletto di Carlo de Blasis, soggetto e coreografia del compositore, dirige Giovanni Bolelli (1° violino)
> 25 Dicembre 1867, Mercoledì
prima rappresentazione nel Teatro Regio di Torino di "Don Carlos", grand-opera (1° versione) in 5 atti, 8 quadri e 1 balletto di Giuseppe Verdi, libretto di François-Joseph Pierre André Méry e Camille du Locle (da Friedrich Schiller: "Don Carlos, Infant von Spanien", da César Vichard: "Histoire de Dom Carlos", da Thomas Otway: "Don Carlos, Prince of Spain", da William Hickling Prescott: "History of Philip II" e da Pierre Étienne Piestre "Eugène Cormon": "Philippe II, roi d'Espagne"), traduzione italiana di Achille de Lauzières-Thémines e Angelo Zanardini, dirige Francesco Bianchi (1° violino), concertatore Carlo Fassò, scenografia di Francesco Zuccarelli {soprani lirico-drammatico Elisa Galli-Altinzi (Elisabetta di Valois), Antonietta Fricci (principessa Eboli), Carolina Bagnoli (voce celeste) e "en travesti" Elena "Nelly" Marzi (Tebaldo), tenori lirico Giuseppe Capponi (Don Carlos), Giuseppe Cappello (conte di Lerma) e Fiorentino Viotti (araldo), baritono Antonio Cotogni/Luigi Brignole (Rodrigo di Posa), bassi serio Filippo Coletti (Filippo II), Augusto Fiorini (Grande Inquisitore) e lirico Giuseppe Galvani (frate) e 6 deputati fiamminghi/inquisitori, mima (contessa Aremberg)}, con "La Peregrina", divertimento danzante del 3° atto, soggetto e coreografia di Lucien Petipa {ballerine (regina delle acque), (paggio), (perla bianca), (perla rosa) e (perla nera), ballerino (pescatore)}
> 14 Gennaio 1868, Martedì
première nel Teatro Regio di Torino di ""Zelia"", ballo fantastico in 5 atti di Costantino Dall'Argine, soggetto e coreografia di Antonio Pallerini {ballerine Emilia Laurati (Zelia), Anna Bunis (Katrina), Ernesta Operti (Venere) e Virginia Zucchi (Xermiola), ballerini Ferdinando Pulini (conte Molder), Felice Burzio (Vanberg), Pietro Rosati (Pakò), Giovanni Butturini (Kiralfi), Edoardo Schiano (Junk) e Filippo Baratti (Ririk)} e ripresa di ""Lucrezia Borgia"", melodramma serio (3° versione) in 1 prologo, 2 atti e 18 scene di Gaetano Donizetti, libretto di Felice Romani (da Victor Hugo: Lucrèce Borgia""), dirige Francesco Bianchi (1° violino), concertatore Carlo Fassò {soprano Antonietta Fricci (Lucrezia), contralto ""en travesti"" Rosa Vercolini-Tay (Maffio Orsini), tenori Giuseppe Capponi (Gennaro), (Oloferno Vitellozzo) e, (Rustighello/Jeppo Liverotto), bassi Augusto Fiorini (Don Alfonso d'Este), (Don Apostolo Gazella), (Ascanio Petrucci/Astolfo) e Giuseppe Galvani (Gubetta Belverana)}, scenografie di Francesco Zuccarelli
> 15 Marzo 1868, Domenica
prima rappresentazione nel Teatro Regio di Torino di "L'ebreo", melodramma tragico in 1 prologo, 3 atti, 5 parti e 24 scene di Giuseppe Apolloni, libretto di Antonio Boni (da Edward George Bulwer-Lytton: "Leila or The siege of Granata"), dirige Francesco Bianchi (1° violino), concertatore Carlo Fassò {soprano Rosina Fiorentini-Marangoni (Leila), mezzosoprano (Isabella di Castiglia), tenori Giuseppe Capponi (Adel-Muza), (Boabdil-el-chic) e (gran Giudice-Inquisitore), baritono Giovanni Valle (Issachar), basso profondo Augusto Fiorini (Ferdinando d'Aragona)} e première di "Nelly", ballo brillante in 4 atti e 6 scene di Olivieri, soggetto e coreografia di Ferdinando Pratesi {ballerine Amalia Cerruti (Eglantine), Emilia Laurati (Nelly) e Leonilda Isaja (amica), ballerini Ferdinando Pulini (Dorrogè), Ferdinando Pratesi (Jenny), Angelo Cuccoli (Tom Snobb), Augusto Ginghini (Flac) e Felice Burzio (Blagmann)}, scenografie di Francesco Zuccarelli
> 3 Ottobre 1868, Sabato
prime rappresentazioni nel Teatro Comunale di Bologna di "L'ebrea" ("La juive"), grand-opera in 5 atti e 25 numeri di Jacques-François Fromental Halévy, libretto di Eugène Scribe, traduzione italiana di Marco Marcelliano Marcello, dirige Angelo Mariani, concertatore Alessandro Busi, maestro del coro Alessandro Moreschi, sostituto Carlo Verardi (1° violino), scenografia di Ambrogio Badiali, Luigi Busi, Riccardo Fontana, Ferdinando Manzini, Annibale Marini, Gaetano Malagodi e Alfonso Trombetti {soprani leggero Albina Contarini (principessa Eudossia) e drammatico Teresina Stolz (Rachele), tenori Ettore Irfrè (Eleazaro) e leggero Andrea Marin (principe Leopoldo), baritono Francesco Raguer (Ruggero/Alberto), bassi Giovanni Giuseppe Capponi (cardinale Gianfrancesco de Brogni) e Giovanni Arduini (araldo)} e di "Brahma" ("Il brahma"), gran balletto eroico-fiabesco in 3 atti e 9 quadri di Costantino Dall'Argine, soggetto di Hippolyte-George Sornet "Ippolito Giorgio Monplaisir", dirige Giovanni Bolelli (1° violino), coreografia di Cesare Marzagora {ballerine (Padmama), (Pifea), (Frau Van-Richter), (Pei-Ha) e (Mary), ballerini (Cobool-Soubah), (Brahma), (Kali), (Heder-Alì), (Faringhea), (Acbar) e (Van Richter/Foa)}
> 28 Ottobre 1868, Mercoledì
première nel Teatro Comunale di Trieste di "Alda", opera in 4 atti di Lionello Ventura, libretto di Michele Buono {soprani Teresina Stolz (Alda) e Vincenza Guenci (Nelda), mezzosoprano Elvira Barilli (Elisa), tenore Ettore Irfrè (Manfredi), baritono Antonio Cotogni (Marino), bassi Giovanni Arduini (barone) e Giovanni Giuseppe Capponi (Arnoldo)}
> 19 Novembre 1868, Giovedì
ripresa nel Teatro Comunale di Bologna di "La favorita" ("La favorite"), grand-opera (dramma serio) in 4 atti (e 1 balletto) di Gaetano Donizetti, libretto di Alphonse Royer, Jean-Nicolas van Nieuwenhuysen "Gustave Vaëz" e Eugène Scribe [per l'atto IV] (da François Thomas Marie de Baculard d'Arnaud: "Les amours malheureuses ou Le comte de Comminges"), traduzione italiana e revisione di Calisto [Callisto] Bassi, dirige Angelo Mariani, concertatore Alessandro Busi, maestro del coro Alessandro Moreschi, sostituto Carlo Verardi (1° violino), scenografia di Ambrogio Badiali, Luigi Busi, Riccardo Fontana, Ferdinando Manzini, Annibale Marini, Gaetano Malagodi e Alfonso Trombetti {soprano Elide Salvi (Inez), contralto Isabella Galletti-Gianoli (Leonora), tenori Pietro Mongini (Fernando), Girolamo Piccoli (Don Gasparo) e Giuseppe Guidi (signore), baritono Antonio Cotogni (Alfonso XI), basso Giovanni Giuseppe Capponi (Baldassarre)} e replica di "Brahma" ("Il brahma"), gran balletto eroico-fiabesco in 3 atti e 9 quadri di Costantino Dall'Argine, soggetto di Hippolyte-George Sornet "Ippolito Giorgio Monplaisir", dirige Giovanni Bolelli (1° violino), coreografia di Cesare Marzagora {ballerine (Padmama), (Pifea), (Frau Van-Richter), (Pei-Ha) e (Mary), ballerini (Cobool-Soubah), (Brahma), (Kali), (Heder-Alì), (Faringhea), (Acbar) e (Van Richter/Foa)}
> 3 Dicembre 1868, Giovedì
prima rappresentazione nel Teatro Comunale di Bologna di "Alda", opera in 4 atti di Lionello Ventura, libretto di Michele Buono, dirige Angelo Mariani, concertatore Alessandro Busi, maestro del coro Alessandro Moreschi, sostituto Carlo Verardi (1° violino), scenografia di Ambrogio Badiali, Luigi Busi, Riccardo Fontana, Ferdinando Manzini, Annibale Marini, Gaetano Malagodi e Alfonso Trombetti {soprani Teresina Stolz (Alda) e Vincenza Guenci (Nelda), mezzosoprano Elvira Barilli (Elisa), tenore Ettore Irfrè (Manfredi), baritono Antonio Cotogni (Marino), bassi Giovanni Arduini (barone) e Giovanni Giuseppe Capponi (Arnoldo)} e replica di "Brahma" ("Il brahma"), gran balletto eroico-fiabesco in 3 atti e 9 quadri di Costantino Dall'Argine, soggetto di Hippolyte-George Sornet "Ippolito Giorgio Monplaisir", dirige Giovanni Bolelli (1° violino), coreografia di Cesare Marzagora {ballerine (Padmama), (Pifea), (Frau Van-Richter), (Pei-Ha) e (Mary), ballerini (Cobool-Soubah), (Brahma), (Kali), (Heder-Alì), (Faringhea), (Acbar) e (Van Richter/Foa)}
> 25 Dicembre 1868, Venerdì
prima rappresentazione nel Teatro Regio di Torino di "L'africana" ("L'africaine", "Vasco de Gama"), grand-opera (opera-ballo) in 5 atti, 25 scene e 22 numeri di Giacomo Meyerbeer (completata e rivista in 26 scene da François-Joseph Fétis), libretto di Eugène Scribe (adattato da Charlotte Birsch-Pfeiffer e Camille Du Locle), traduzione italiana di Marco Marcelliano Marcello e J.Nicodemo, dirige Carlo Pedrotti, maestro del coro Giuseppe Santi, scenografia di Francesco Zuccarelli {soprani Virginia Pozzi-Branzanti (Inez) e Matilde Corsi (Anna), mezzosoprano drammatico Maria Löwe Destin (Selika), tenori eroico Giuseppe Capponi (Vasco de Gama), Giuseppe Cappello (usciere), Luigi Minotti (Don Alvaro) e Fiorentino Viotti (sacerdote), baritono Ferdinando Bellini (Nelusko), bassi Augusto Fiorini (Don Pedro), Paolo Mazzarini (Grande Inquisitore) e Carlo Trivero (Don Diego/Gran Sacerdote)}
> 10 Marzo 1869, Mercoledì
prima rappresentazione nel Teatro Regio di Torino di "La vestale", tragedia lirica in 3 atti di Saverio Mercadante, libretto di Salvatore Cammarano (da Victor-Joseph-Étienne de Jouy), dirige Carlo Pedrotti, maestro del coro Giuseppe Santi, scenografia di Francesco Zuccarelli {soprano Felicita Rocca-Alessandri (Gran vestale), mezzosoprano Antonietta Pozzoni-Anastasi (Emilia), contralto Drusilia Garbato (Giunia), tenori Giuseppe Cappello (Licinio Murena) e Giuseppe Capponi (Decio), baritono Ferdinando Bellini (Publio), bassi Carlo Trivero (Lucio Silano) e Giuseppe Marchetti (Metello Pio)}
> 25 Dicembre 1870, Domenica
ripresa nel Teatro Regio di Torino di "Gli ugonotti" ("Les Huguenots"), grand-opera in 5 atti e 66 numeri di Giacomo Meyerbeer, libretto di Eugène Scribe e Émile Deschamps (da Prosper Mérimée: "Chronique du temps [règne] de Charles IX"), traduzione italiana di Marco Marcelliano Marcello, dirige Carlo Pedrotti, scenografia di Augusto Ferri {soprani drammatico coloratura Adelina Lupi (Margherita di Valois) e drammatico Ida Benza (Valentina), mezzosoprani leggero coloratura "en travesti" Linda Corsi (Urbano) e Marietta Dordelli (1°dama d'onore/1°zingara), tenori lirico-eroico Giuseppe Capponi (Raul), buffo Annibale Micheloni (Cossé/Bois-Rosé/Leonardo), lirico Luigi Mariotti (Thavannes) e buffo (Thoré), baritoni lirico Agostino Mazzoli (conte Nevers) e Carlo Trivero (De Retz), bassi Carlo Zucchelli (conte Saint-Bris), serio Hippolyte [Ippolito] Brémond (Marcello), Temistocle Bertacchi (Maurevert), Giovanni Cotto (servo) e Giuseppe Olivetti (Méru/arciere)}
> 4 Gennaio 1871, Mercoledì
prima rappresentazione nel Teatro Regio di Torino ""Leonilda ovvero La fidanzata del filibustiere"" (""Leonilde""), gran ballo spettacoloso (2° versione) in 2 parti e 7 quadri (atti) di Paolo Giorza, soggetto e coreografia di Paolo Taglioni, revisione di Cesare Marzagora {ballerina Caterina Beretta-Viena (Leonilda), ballerini Angelo Cuccoli (Abderahaman), Ferdinando Pulini (Almedoro), Guglielmo Belloni (Oluf), Felice Burzio (Abdallah) e José Mendez (Scipione)} e replica di ""Gli ugonotti"" (""Les Huguenots""), grand-opera in 5 atti e 66 numeri di Giacomo Meyerbeer, libretto di Eugène Scribe e Émile Deschamps (da Prosper Mérimée: ""Chronique du temps [règne] de Charles IX""), traduzione italiana di Marco Marcelliano Marcello {soprani drammatico coloratura Adelina Lupi (Margherita di Valois) e drammatico Ida Benza (Valentina), mezzosoprani leggero coloratura ""en travesti"" Linda Corsi (Urbano) e Marietta Dordelli (1°dama d'onore/1°zingara), tenori lirico-eroico Giuseppe Capponi (Raul), buffo Annibale Micheloni (Cossé/Bois-Rosé/Leonardo), lirico Luigi Mariotti (Thavannes) e buffo (Thoré), baritoni lirico Agostino Mazzoli (conte Nevers) e Carlo Trivero (De Retz), bassi Carlo Zucchelli (conte Saint-Bris), serio Hippolyte [Ippolito] Brémond (Marcello), Temistocle Bertacchi (Maurevert), Giovanni Cotto (servo) e Giuseppe Olivetti (Méru/arciere)}, dirige Carlo Pedrotti, scenografie di Augusto Ferri
> 24 Gennaio 1871, Martedì
prima rappresentazione nel Teatro Regio di Torino di ""Ruy Blas"", dramma lirico in 4 atti di Filippo Marchetti, libretto di Carlo D'Ormeville (da Victor Hugo), dirige Carlo Pedrotti, scenografia di Augusto Ferri {soprani Ida Benza/Luisa Pitark (regina Maria di Spagna) e Matilde Corsi (Donna Giovanna), contralto Linda Corsi (Casilda), tenori Giuseppe Capponi (Ruy Blas), Luigi Bertolotti (Don Pedro) e (usciere), baritono Gustavo Moriami (Don Sallustio), bassi Carlo Trivero (Don Ferdinando), Hippolyte [Ippolito] Brémond (Don Guritano) e Temistocle Bertacchi (Don Manuel)}
> 20 Aprile 1872, Sabato
prima rappresentazione nel Teatro Regio di Parma di "Aida", melodramma (opera ballo) in 4 atti e 7 quadri (con balletto) di Giuseppe Verdi, libretto di Antonio Ghislanzoni (da Auguste Mariette Bey e Camille Du Locle), dirige Giovanni Rossi, maestro del coro Giuseppe Griffini, scenografia di Girolamo Magnani {soprano lirico drammatico Teresina Stolz (Aida), mezzosoprano drammatico Maria Waldmann-Massari (Amneris), tenori lirico Giuseppe Capponi (Radamès) e Raffaele Angiolini (messaggero), baritono eroico Adriano Pantaleoni (Amonasro), bassi Angelo De Giulio (Re) e serio Luigi Vecchi (Ramfis) e 24 ballerine di mezzo carattere} (alla presenza del compositore)
> 23 Maggio 1872, Giovedì
ripresa nel Teatro Regio di Parma di "Don Sebastiano re del Portogallo" ("Dom Sébastien, roi du Portugal"), grand-opera (3° versione) in 5 atti di Gaetano Donizetti, libretto di Eugène Scribe (da Diogo de Barbosa Machado: "Memorias... o governo Del rey D.Sebastião", da Paul-Henri Foucher: "Don Sébastian de Portugal", da Pedro Teixeira e da John Dryden), traduzione italiana di Giovanni Ruffini, dirige Giovanni Rossi, maestro del coro Giuseppe Griffini, scenografia di Girolamo Magnani {mezzosoprano Maria Waldmann (Zaida), tenori Giuseppe Capponi (Don Sebastiano) e Raffaele Angiolini (Don Antonio/Don Enrico), baritoni Arturo Arrigoni (Abaialdo) e Adriano Pantaleoni (Don Luigi/Camoëns), bassi Luigi Vecchi (Don Giovanni de Silva) e (Ben-Selim)}
> 16 Novembre 1872, Sabato
première nel Teatro Comunale di Trieste di "Gustavo Wasa", melodramma in 4 atti di Giuseppe Apolloni, libretto di Ulisse Poggi (da Johan Henrik Kellgren) {soprani Emma Wiziak (Edwige), tenori Giuseppe Capponi (Gustavo) e Carlo Fiorini (popolano/capo minatore), baritono Adriano Pantaleoni (Arnoldo), bassi Ormondo Maini (Cristierno) e Paride Povoleri (frate), mima (fanciulla)}

Vai alla pagina: 1 | 2 |