L'Almanacco di Gherardo Casaglia

ALMANACCO

Nel box sottostante è possibile effettuare una ricerca mirata su oltre 180.000 records, contenuti in archivio, di informazioni su tutta la musica.

Cerca un avvenimento:

  Data:    ,   Testo:   
Stringa   Parola Intera   Parte di parola



Occorrenze trovate: 16

< Precedente
Pagina 1 di 1
Successiva >

> 4 Ottobre 1894, Giovedì
nasce a Hobart (Tasmania, Australia) il soprano-mezzosoprano Marguerite (Margaret) Garde "Margherita Grandi" ("Djelma Vécla")
> 31 Gennaio 1922, Martedì
ripresa nella Salle Garnier del Théâtre du Casino (Opéra) di Montecarlo di ""Carmen"", opera comica in 4 atti e 26 numeri di Georges Bizet (recitativi di Ernest Guiraud), libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy (da Prosper Mérimée), dirige Léon Jehin, regia di Raoul Gunsbourg, scenografia di Antoine-Alphonse Visconti {soprani lirico Lacroix (Micaëla) e leggero coloratura (Frasquita), mezzosoprani drammatico Margherita Grandi ""Djemma Vécla"" (Carmen) e buffo (Mercédès), tenori lirico Fernand Ansseau (Don José) e buffo Charles Delmas (Remendado), baritoni Victor Chalmin (Escamillo) e buffo-lirico Fernand Roussel (Dancaïre/Moralès), basso serio Barrau (Zuniga)}
> 11 Febbraio 1922, Sabato
ripresa nella Salle Garnier del Théâtre du Casino (Opéra) di Montecarlo di "Werther", dramma lirico (2° versione) in 4 atti e 5 quadri di Jules Massenet, libretto di Alfred-Édouard Blau, Paul Milliet e Georges "Henry Grémont" Hartmann (da Wolfgang Goethe: "Die Leiden des jungen Werthers"), dirige Léon Jehin, regia di Raoul Gunsbourg, scenografia di Antoine-Alphonse Visconti {soprani leggero (Sophie) e (Katchen), mezzosoprano Margherita Grandi "Djemma Vécla" (Charlotte), tenori Fernand Ansseau (Werther) e (Schmidt), baritoni Lantéri (Albert) e Fernand Roussel (Johann), basso (bailli)}
> 26 Marzo 1922, Domenica
ripresa nella Salle Garnier del Théâtre du Casino (Opéra) di Montecarlo di "La bohème" ("La vie de bohème"), opera drammatica (scene liriche) in 4 atti e 4 quadri (1.In soffitta, 2.Al quartiere latino, 3.La barriera d'Enfer, 4.In soffitta) di Giacomo Puccini, libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa (da Henri Murger: "Scènes de la vie de bohème" e "La vie de bohème", adattamento di Théodore Barrière), dirige Léon Jehin, regia di Raoul Gunsbourg, scenografia di Antoine-Alphonse Visconti {soprano lirico (Mimì), mezzosoprano coloratura Margherita Grandi "Djemma Vécla" (Musetta), tenori lirico Dino Borgioli (Rodolfo) e (Parpignol), baritoni lirico (Marcello) e buffo (Schaunard), bassi serio-profondo (Colline), buffo (Benoît/Alcindoro) e (sergente/doganiere), Ross, Ephrati}
> 1 Aprile 1922, Sabato
première postuma nella Salle Garnier del Théâtre du Casino (Opéra) di Montecarlo di "Amadis", opera leggendaria in 1 prologo e 4 atti di Jules Massenet, libretto di Arsène-Jules Arnaud "Jules Clarétie" (da García Rodríguez de Montalvo: "Amadís de Gaula"), dirige Léon Jehin, regia di Raoul Gunsbourg, scenografia di Antoine-Alphonse Visconti {soprani Nelly Martyl (Floriane), Lucette Korsoff (Orlinde), Bilhon (Béatrice), Rossignol (Simone), Orsoni (Guillemette), Rogery (Marguerite) e Lecroix (Hélène), mezzosoprano Margherita Grandi "Djemma Vécla" (Amadis), tenori Paul Goffin (Galaor), Sini (Curneval de Thuringe), Charles Delmas (Venzel de Norvège) e Carlo Bertossa (Zorzi de Sicile), baritoni Luigi Cérésole (Perdigon d'Irlande), Amurgis (Arnaud d'Aquitaine) e Morange (Golias d'Espagne), basso Gustave Huberdeau (roi Raimbert), recitanti Féval (fée), Stéphane (chasseur), (Langrines) e (Lisuarte), mima Sédova (princesse Élisène)}
> 19 Dicembre 1922, Martedì
prima rappresentazione nel Grand-Théâtre Municipal (Opéra) di Bordeaux di "Amadis", opera leggendaria in 1 prologo e 4 atti di Jules Massenet, libretto di Arsène-Jules Arnaud "Jules Clarétie" (da García Ardóñez de Montalvo: "Amadis de Gaule") {soprani Nelly Martyl (Floriane), Lucette Korsoff (Orlinde), Bilhon (Béatrice), Rossignol (Simone), Orsoni (Guillemette), Rogery (Marguerite) e Lecroix (Hélène), mezzosoprano Margherita Grandi "Djemma Vécla" (Amadis), tenori Paul Goffin (Galaor), Sini (Curneval de Thuringe), Charles Delmas (Venzel de Norvège) e Carlo Bertossa (Zorzi de Sicile), baritoni Luigi Cérésole (Perdigon d'Irlande), Amurgis (Arnaud d'Aquitaine) e Morange (Golias d'Espagne), basso Gustave Huberdeau (roi Raimbert), recitanti Féval (fée), Stéphane (chasseur), (Langrines) e (Lisuarte), mima Sédova (princesse Élisène)}
> 5 Febbraio 1925, Giovedì
ripresa nella Salle Garnier del Théâtre du Casino (Opéra) di Montecarlo di "Manon", opera comica in 5 atti e 6 quadri (1.La grande cour d'une hôtellerie d'Amiens, 2.L'appartement de Manon et Des Grieux à Paris, 3/1.Le marché du Cours-la-Reine un jour de fête, 3/2.Le parloir du séminaire de Saint-Sulpice, 4.La salle de jeux de l'hôtel de Transylvanie, 5.Sur la route du Havre) di Jules Massenet, libretto di Henri Meilhac e Philippe-Émile-François Gille (da Antoine-François Prévost d'Exiles: "Histoire du chevalier Des Grieux et de Manon Lescaut"), dirige Léon Jehin, regia di Raoul Gunsbourg, scenografia di Antoine-Alphonse Visconti {soprani lirico-coloratura Emma Luart (Manon), lirico (Poussette), mezzosoprani soubrette (Rosette) e soubrette Margherita Grandi "Djemma Vécla" (Javotte), tenori lirico-eroico Charles Friant (chevalier Des Grieux), baritoni lirico Luigi Cérésole (Lescaut) e lirico (de Brétigny), bassi serio Louis Arnal (comte Des Grieux), buffo (Guillot de Monfortaine) e (sergent)}
> 16 Aprile 1936, Giovedì
ripresa nel Teatro Reale dell'Opera di Roma di "Mefistofele", opera (4° versione definitiva) in 1 prologo, 4 atti (1.La domenica di Pasqua e Il patto, 2.Il giardino e La notte del sabba, 3.La morte di Margherita, 4.La notte dell'antico Sabbat), 9 scene, 1 epilogo (La morte di Faust) e 3 danze (1.L'Obertas, 2.La ridda del sabba, 3.Chorea) di Arrigo Boito, libretto del compositore (da Wolfgang Goethe: "Der erste Faust"), dirige Tullio Serafin, maestro del coro Giuseppe Conca, regia di Carlo Piccinato, coreografia di Boris Romanov, scenografia di Nicola Benois {soprani lirico Pia Tassinari (Margherita) e Margherita Grandi/Gabriella Gatti (Elena), mezzosoprani Agnese Dubbini (Marta) e Maria Benedetti (Pantalis), tenori lirico Giovanni Malipiero (Faust), Adelio Zagonara (Wagner) e Lamberto Bergamini (Nereo), basso Ezio Pinza (Mefistofele), recitanti (buffone, banditore, cerretano, Hanswurst, birraio, principe elettore, carnefice, mendicante)}
> 17 Febbraio 1938, Giovedì
ripresa nel Teatro Regio di Parma di "Otello", dramma lirico (2° versione) in 4 atti e 21 scene di Giuseppe Verdi, libretto di Arrigo Boito (da William Shakespeare: "Othello, the Moor of Venice"), dirige Angelo Questa, maestro del coro Annibale Pîzzarelli, regia di Raffaello Pacini, scenografia di Ercole Sormani {soprano lirico-drammatico Margherita Grandi (Desdemona), mezzosoprano lirico-drammatico Pina Gualandri (Emilia), tenori drammatico Aureliano Pertile (Otello), Aristodemo Bregola (Roderigo) e lirico-leggero Fernando Alfieri (Cassio), baritono di carattere Gaetano Viviani (Jago), bassi serio Massimiliano Serra (Lodovico), Mario Zana (Montano/araldo)}
> 21 Aprile 1938, Giovedì
ripresa nel Teatro alla Fenice di Venezia di "Don Carlo" ("Don Carlos"), grand-opera (2° versione) in 4 atti e 7 quadri (senza il "quadro di Fontainebleau" e senza balletto) di Giuseppe Verdi, libretto di François-Joseph Pierre André Méry e Camille du Locle (da Friedrich Schiller: "Don Carlos, Infant von Spanien", da César Vichard: "Histoire de Dom Carlos", da Thomas Otway: "Don Carlos, Prince of Spain", da William Hickling Prescott: "History of Philip II" e da Pierre Étienne Piestre "Eugène Cormon": "Philippe II, roi d'Espagne"), traduzione italiana di Achille de Lauzières-Thémines e Angelo Zanardini, dirige Antonio Guarnieri, sostituti Ernesto Barbini, Giuseppe Morelli, Romeo Olivieri e Alberto Paoletti, maestri del coro Costantino Costantini e Ferruccio Milani, regia di Marcello Govoni, coreografia di Lisa Walcher, scenografia di Primo Conti, Giovanni Grandi e Camillo Parravicini {soprani lirico-drammatico Margherita Grandi (Elisabetta di Valois), Maria Rubini (voce dal cielo) e "en travesti" Carmen Veroli (Tebaldo), contralto Maria Benedetti (principessa Eboli), tenori lirico Francesco Merli (Don Carlo), Luigi Nardi (conte di Lerma) e Aldo Ferracuti (araldo), baritono Francesco Valentino (Rodrigo di Posa), bassi serio Giacomo Vaghi (Filippo II), Antonio Righetti (Grande Inquisitore) e lirico Bruno Sbalchiero (frate) e 6 deputati fiamminghi/inquisitori, mima (contessa Aremberg)}
> 30 Gennaio 1940, Martedì
prime rappresentazioni nel Teatro alla Fenice di Venezia di ""Arlecchino, ovvero Le finestre"" (""Arlecchino oder Die Fenster"") op.50 Kind.270, capriccio scenico (teatrale) in 1 atto e 4 tempi/parti (1.Arlecchino bugiardo, 2.Arlecchino soldato, 3.Arlecchino marito, 4.Arlecchino trionfatore) di Ferruccio Busoni, libretto del compositore (da Jacques Callot: ""Balli di Sfessania""), traduzione italiana di Bruno Bruni, scenografia di Gino Severini {soprano Ines Alfani-Tellini (Colombina), tenore Nino Mazziotti (Leandro), baritoni Luigi Spartaco Marchi (Matteo del Sarto) e Antonio Gelli (Cospicuo), basso Enrico Vannuccini (Bombasto), recitante Nerio Bernardi (Arlecchino), mima Rya Teresa Legnani (Annunziata)} e di ""Il giorno della pace"" (""Friedenstag"") op.81 TrV.271, opera in 1 atto di Richard Strauss, libretto di Joseph [Josef] Gregor (da Stefan Zweig e da Pedro Calderón de la Barca: ""La rendición de Breda""), traduzione italiana e versione ritmica di Rinaldo Küfferle, scenografia di Emilio Toti {soprano Margherita Grandi (Maria), contralto Olga De Franco-Arduini (popolana), tenori Giulo Scarinci (archibugiere-caporale), Muzio Giovagnoli (piemontese), Nino Mazziotti (borgomastro), baritoni Francesco ""Frank"" Valentino (comandante), Saturno Meletti (artigliere-soldato), Piero Zennaro (ufficiale), Nicola Rakowski (ufficiale al fronte) e Piero Passarotti (prelato), bassi Antonio Cassinelli (sergente maggiore), Ugo Novelli (moschettiere), Febo Pierbattista (trombettiere) e Vittorio Petrocchi (ufficiale d'Holstein)}, dirige Vittorio Gui, maestro del coro Sante Zanon, regie di Corrado Pavolini
> 13 Aprile 1943, Martedì
prima rappresentazione nel Teatro Reale dell'Opera di Roma di "L'incoronazione di Poppea" ("La coronatione di Poppea"), dramma per musica (opera reggia) in 1 prologo, 3 atti e 15 scene di Claudio Monteverdi, trascrizione di Alessandro Guagni Benvenuti, libretto di Gian (Giovanni) Francesco Busenello [Businello] (da Tacito: "Annales"), dirige Tullio Serafin, maestro del coro Giuseppe Conca, regia di Giorgio Venturini, coreografia di Aurelio Milloss, scenografia di Gino Sensani e Pericle Ansaldo {soprani drammatico Gabriella Gatti (Poppea), lirico-drammatico coloratura Gianna Perea Labia (Drusilla), drammatico coloratura Margherita Grandi (Ottavia), Pina De Filippis (Fortuna/Pallade), Sato Peri Aghababian (Virtù/Venere) e coloratura Emilia Vidali (Amore/damigella), mezzosoprani drammatico Gilda Alfano (Arnalta), eroico-drammatico "en travesti" Elena Nicolai (Ottone) e drammatico Olga De Franco-Arduini (nutrice), tenori eroico Giovanni Voyer (Nerone), Blando Giusti (Lucano), Adelio Zagonara (valletto), lirico Cesare Masini-Sperti (Mercurio), Paolo Caroli (Petronio), Nino Mazziotti (1°soldato) e Aldo Ferracuti (2°soldato), baritoni Mario Borriello (liberto) e Titta Ruffo (littore), bassi serio Tancredi Pasero (Seneca) e Gino Conti (Tigellino)}
> 16 Agosto 1945, Giovedì
ripresa nelle Terme di Caracalla di Roma di "La Gioconda", melodramma (5° versione definitiva) in 4 atti (1.La bocca dei leoni, 2.Il rosario, 3.Ca' d'Oro, 4.Il canal orfano) e 2 balli (1.La furlana, 3.La danza delle ore) di Amilcare Ponchielli, libretto di Arrigo Boito "Tobia Gorrio" (da Victor Hugo: "Angelo, tyran de Padoue"), revisionato da Angelo Zanardini, dirige Oliviero De Fabritiis, regia di Bruno Nofri, coreografia di Attilia Radice, scenografia di Angelo Alessandrini {soprano lirico-drammatico Margherita Grandi (Gioconda), contralto Myriam Pirazzini (cieca), mezzosoprano Ebe Stignani (Laura Adorno), tenori Beniamino Gigli/Renato Gigli (Enzo Grimaldo) e Blando Giusti (Isèpo), baritoni Enzo Mascherini (Barnaba), Nicola Rakowski (Zuàne) e Gino Conti (pilota/barnabotto), bassi Alfredo Colella (Alvise Badoero) e Filiberto Picozzi (cantore)}
> 29 Settembre 1949, Giovedì
première nel Royal Opera House, Covent Garden di Londra di "The Olympians" op.69, opera in 3 atti di Arthur Bliss, libretto di John Boynton Priestley, dirige Karl Rankl, maestro del coro Douglas Robinson, regia di Joseph Shadwick, coreografia di Pauline Grant, scenografia di John Bryan {soprani Shirley Russel (Madeleine) e Margherita Grandi (Diana), mezzosoprano Edith Coates (m.me Bardeau), tenori Murray Dickie (curé-priest), James Johnston (Hector de Florac) e Thorstein Hannesson (Bacchus), baritoni Kenneth Schon (Jupiter), Ronald Lewis (Jean) e Rhydderch Davies (Alfred), bassi Howell Glynne (Joseph Lavatte) e David Franklin (Mars), mima Moyra Fraser (Venus), ballerino Robert Helpmann (Mercury)}
> 20 Ottobre 1949, Giovedì
ripresa (per l'Opera Company) nel Royal Opera House, Covent Garden di Londra di "Il trovatore", melodramma (1° versione) in 4 parti (1.The duel, 2.The Gypsy, 3.The Gypsy's Son, 4.The Execution), 8 quadri, 20 scene e 14 numeri di Giuseppe Verdi, libretto di Salvatore Cammarano (da Antonio García Gutiérrez: "El trovador"), completato da Leone Emmanuele Bardare, traduzione inglese di Edward J. Dent, dirige Peter Gellhorn, maestro del coro Douglas Robinson, regia di Joseph Shadwick, scenografia di Derek Hill {soprani drammatico coloratura Margherita Grandi (Leonora) e Jean Watson (Ines), mezzosoprano drammatico Edith Coates (Azucena), tenori lirico Libero de Luca (Manrico), buffo Dennis Stephenson (Ruiz) e Emlyn Jones (messenger), baritono lirico Jess Walters (count of Luna), bassi profondo Marian Nowakowski (Ferrando) e Hubert Littlewood (old gipsy)}
> 29 Maggio 1972, Lunedì
muore a Milano il soprano (mezzosoprano) Ernestine Telmat "Emma Vecla" ("Margherita Grandi", "Djemma Vécla")