L'Almanacco di Gherardo Casaglia

ALMANACCO

Nel box sottostante è possibile effettuare una ricerca mirata su oltre 180.000 records, contenuti in archivio, di informazioni su tutta la musica.

Cerca un avvenimento:

  Data:    ,   Testo:   
Stringa   Parola Intera   Parte di parola



Occorrenze trovate: 58

< Precedente
Pagina 1 di 3
Successiva >

> 13 Maggio 1827, Domenica
première nel Teatro Nuovo (sopra Toledo) di Napoli di "Otto mesi in due ore" ("Otto mesi in due ore ossia Gli esiliati in Siberia"), melodramma romantico (1° versione) in 3 parti di Gaetano Donizetti, libretto di Domenico Gilardoni (da Marie Sophie Cottin: "Élisabeth ou Les exilés de Sibérie", da René-Charles Guilbert de Pixérécourt: "La fille de l'exilé ou Huit mois en deux heures" e da Luigi Marchionni: "La figlia dell'esiliato ossia Otto mesi in due ore") {soprano Caterina Lipparini (Elisabetta), mezzosoprani Francesca Ceccherini (Fedora) e Giuditta Servoli (Maria), tenori Giuseppe Loira (zar), Manzi (Potorski) e Giuseppe Papi (Orzak), baritoni Giuseppe Fioravanti (Iwano) e Vincenzo Galli (gran maresciallo), bassi Gennarino Luzio (Michele) e Raffaele Scalese (Alterkan)}
> 12 Gennaio 1829, Lunedì
prima rappresentazione (per il compleanno del principe ereditario Ferdinando) nel Real Teatro Carolino di Palermo di ""La dama bianca"" (""La dame blanche"", ""La dame d'Avenel""), opera comica in 3 atti di François Adrien Boieldieu (collaborazione di Adolphe Adam e Théodore Labarre per l'ouverture), libretto di Eugène Scribe (da Walter Scott: ""The Lady of the Lake"", ""The Monastery"" e ""Guy Mannering"" e da Désirée de Castera: ""Le fantôme blanc""), traduzione italiana di Marco Marcelliano Marcello, dirige Francesco La Manna, regia di Onofrio Trapani, scenografia di Luigi Tasca {soprani lirico coloratura-soubrette Federica Funk (Anna) e soubrette Angiola Peracchi (Jenny), mezzosoprano Anna Righetti (Margherita), contralto ""en travesti"" Marianna Hazon (Giorgio Brown), tenore Francesco Derenzi (Gabriello), baritono buffo (Dickson), bassi di carattere Raffaele Scalese (Gaveston) e Giovanni Battista Placci (Mac Irton)}
> 12 Gennaio 1831, Mercoledì
prima rappresentazione nel Teatro Comunale di Ferrara di ""Giulietta e Romeo"", tragedia per musica (dramma serio, 1° versione) in 2 atti di Nicola Vaccai, libretto di Felice Romani (da William Shakespeare: ""Romeo and Juliet"", da Giuseppe Maria Foppa, da Luigi Scevola e da Gerolamo della Corte: ""Storie di Verona""), dirige Gaetano Zocca (1° violino), maestro al cembalo Antonio Bagioli, scenografia di Francesco Migliari e Francesco Saraceni {soprani Marianna Brighenti (Giulietta) e Carolina Benedetti (Adele), contralto ""en travesti"" Laura Fanò (Romeo), tenori Paolo Zilioli (Capellio) e Raffaele Scalese (Lorenzo), basso Pietro Provini (Tebaldo)} e première di ""Gli Sterlitzi ossia Il ritorno di Pietro il Grande in Mosca"", balletto di Pietro Romani, soggetto e coreografia di Domenico Serpos
> 3 Giugno 1834, Martedì
prima rappresentazione nel Teatro d'Angennes di Torino di "Gli esposti ossia Eran due, or son tre" ("Eran due, or son tre ovvero Gli esposti"), melodramma buffo in 2 atti e 27 scene di Luigi Ricci, libretto di Jacopo Ferretti {soprani Antonietta Vial (Irene) e (Lucrezia), tenori Napoleone Moriani (Corrado Ferrante) e (Fernando), baritono Raffaele Scalese (Edmondo), bassi Giuseppe Frezzolini (Sempronio Barbabietola) e (Ernesto Eugeni)}
> 6 Settembre 1836, Martedì
prima rappresentazione nel Teatro alla Scala di Milano di "La festa della rosa" ("Enrichetta di Baienfeld ossia La festa della rosa"), melodramma giocoso (opera buffa) ina, libretto di Jacopo Ferretti (da Gaetano Rossi), dirige Eugenio Cavallini (1° violino), maestri al cembalo Giacomo Panizza e Giovanni Bajetti, maestri del coro Antonio Cattaneo e Giulio Cesare Granatelli, coreografia di Antonio Cortesi, scenografia di Domenico Menozzi e Baldassarre Cavallotti {soprano Eugenia Savorani-Tadolini (Enrichetta), mezzosoprani Teresa Ruggeri-Visanetti (Caterina) e Felicita De Bayllou Hilaret (Giustina), tenori Luigi Rigamonti (Carlo), Francesco Pedrazzi (Rodolfo) e Giuseppe Vaschetti (barone Salency), bassi Raffaele Scalese (Gottofredo di Bibrak) e Domenico Spiaggi (Geronimo/usciere/ordinanza)}
> 6 Giugno 1837, Martedì
première nel Teatro (Gallo) San Benedetto di Venezia di "Iginia d'Asti", opera in 2 atti di Samuel Levi, libretto di Gaetano Rossi (dalla tragedia in 5 atti di Silvio Pellico) {soprani Talestri Fontana (Iginia) e Costanza Viale (Roberta), tenori Francesco Lega (Ansaldo) e Achille Balestracci (Giulio), bassi Raffaele Scalese (Everardo), Giuseppe Grazioli (Roffredo) e Francesco Dai-Fiori (Giano)}
> 6 Novembre 1838, Martedì
première nel Teatro alla Scala di Milano di "Il postiglione di Longjumeau", melodramma comico in 2 parti (atti) di Pietro Antonio Coppola, libretto in versi di Calisto [Callisto] Bassi (da Adolph Ribbing "Adolphe de Leuven" e Léon-Lévy Brunswick "Victor Lhérie": "Le postillon de Lonjumeau"), dirige Eugenio Cavallini (1° violino), maestro al cembalo Giacomo Panizza, maestri del coro Giulio Cesare Granatelli e Antonio Cattaneo {soprano coloratura Eugenia Savorani-Tadolini (Maddalena/m.ma Latour), tenore leggero Domenico Donzelli (Chapelou/Saint Phar/postiglione), baritono buffo Raffaele Scalese (marchese di Corcy), basso Giuseppe Marini (Bijou/Alcindoro)}
> 20 Aprile 1840, Lunedì
prima rappresentazione nel Nuovo Ducale Teatro di Parma di "I due Figaro ossia Il soggetto d'una commedia", opera in 2 atti e 38 scene di Giovanni Antonio Speranza, libretto di Felice Romani (da Honoré-Antoine Richaud-Martelly: "Les deux Figaro ou Le sujet de comédie" e da Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais: "Le mariage de Figaro ou La folle journée"), dirige Nicola De Giovanni, concertatore Ferdinando Orlandi, maestro del coro Giuseppe Barbacini, scenografia di Nicola Aquila e Giacomo Giacopelli {soprani Rosina Mazzarelli (Susanna) e Clementina [Elisa] Vernhet (Ines), mezzosoprano Luigia Baroni (contessa), tenore Antonio Pompeiano (Cherubino-Figaro), bassi Luigi Loriani (Torribio-Don Alvaro), Gaetano Del Pesce (conte D'Almaviva), Raffaele Scalese (Figaro) e Francesco Alessandri (Plagio)}
> 5 Maggio 1840, Martedì
replica nel Nuovo Ducale Teatro di Parma di "I due Figaro ossia Il soggetto d'una commedia", opera in 2 atti e 38 scene di Giovanni Antonio Speranza, libretto di Felice Romani (da Honoré-Antoine Richaud-Martelly: "Les deux Figaro ou Le sujet de comédie" e da Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais: "Le mariage de Figaro ou La folle journée"), dirige Nicola De Giovanni, concertatore Ferdinando Orlandi, maestro del coro Giuseppe Barbacini, scenografia di Nicola Aquila e Giacomo Giacopelli {soprani Rosina Mazzarelli (Susanna) e Clementina [Elisa] Vernhet (Ines), mezzosoprano Luigia Baroni (contessa), tenore Antonio De Val (Cherubino-Figaro), bassi Luigi Loriani (Torribio-Don Alvaro), Gaetano Del Pesce (conte D'Almaviva), Raffaele Scalese (Figaro) e Francesco Alessandri (Plagio)}
> 12 Maggio 1840, Martedì
ripresa nel Nuovo Ducale Teatro di Parma di "L'elisir d'amore", melodramma giocoso (1° versione) in 2 atti e 8 scene di Gaetano Donizetti, libretto di Felice Romani (da Silvio Malaperta: "Il filtro" e da Eugène Scribe: "Le philtre"), dirige Nicola De Giovanni, concertatore Ferdinando Orlandi, maestro del coro Giuseppe Barbacini, scenografia di Nicola Aquila e Giacomo Giacopelli {soprano lirico coloratura Clementina Vernhet (Adina), mezzosoprano soubrette Luigia Baroni (Giannetta), tenore lirico Antonio De Val (Nemorino), bassi buffo Gaetano Del Pesce (Belcore) e buffo Raffaele Scalese (Dulcamara)}
> 20 Maggio 1840, Mercoledì
replica nel Nuovo Ducale Teatro di Parma di "L'elisir d'amore", melodramma giocoso (1° versione) in 2 atti e 8 scene di Gaetano Donizetti, libretto di Felice Romani (da Silvio Malaperta: "Il filtro" e da Eugène Scribe: "Le philtre") e ripresa del 3° atto di "Torquato Tasso", melodramma serio in 3 atti di Gaetano Donizetti, libretto di Jacopo Ferretti (da Giovanni Rosini, da Carlo Goldoni, da Wolfgang Goethe e da George Gordon Byron: "The Lament of Tasso"), dirige Nicola De Giovanni, concertatore Ferdinando Orlandi, maestro del coro Giuseppe Barbacini, scenografia di Nicola Aquila e Giacomo Giacopelli {soprano lirico coloratura Clementina Vernhet (Adina/Eleonora d'Este), mezzosoprano Luigia Baroni (Giannetta/Eleonora di Scandiano), tenore lirico Antonio De Val (Nemorino/Roberto), bassi lirico Gaetano Del Pesce (Belcore/Torquato Tasso) e Raffaele Scalese (Dulcamara/Don Gherardo/Alfonso II)}
> 27 Maggio 1840, Mercoledì
ripresa nel Nuovo Ducale Teatro di Parma di "Beatrice di Tenda", opera seria (tragedia lirica) in 2 atti di Vincenzo Bellini, libretto di Felice Romani (da Carlo Tedaldi Fores e da Antonio Monticini), dirige Nicola De Giovanni, concertatore Ferdinando Orlandi, maestro del coro Giuseppe Barbacini, scenografia di Nicola Aquila e Giacomo Giacopelli {soprano coloratura Rosina Mazzarelli (Beatrice), mezzosoprano Luigia Baroni (Agnese), tenori Antonio De Val (Orombello) e (Anichino), bassi Gaetano Del Pesce (Filippo Visconti) e Raffaele Scalese (Rizzardo)}
> 30 Maggio 1840, Sabato
ripresa nel Nuovo Ducale Teatro di Parma di "Il barbiere di Siviglia", dramma giocoso (dramma comico, melodramma buffo) in 2 atti, 4 quadri e 19 numeri di Gioachino Rossini, libretto di Cesare Sterbini (da Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais: "Le barbier de Séville ou La précaution inutile" e da Giuseppe Petrosellini), dirige Nicola De Giovanni, concertatore Ferdinando Orlandi, maestro del coro Giuseppe Barbacini, scenografia di Nicola Aquila e Giacomo Giacopelli {soprani Rosina Mazzarelli (Berta) e lirico coloratura Clementina Vernhet (Rosina), tenore lirico Antonio Pompeiano (Almaviva), bassi lirico Gaetano Del Pesce (Figaro), (Fiorello/uffiziale/Ambrogio), buffo Raffaele Scalese (Don Bartolo) e serio profondo Francesco Alessandri (Don Basilio)}
> 13 Agosto 1840, Giovedì
prima rappresentazione nel Teatro alla Scala di Milano di "Il templario", melodramma (1° versione) in 3 atti di Otto Nicolai, libretto di Girolamo Maria Marini (da Walter Scott: "Ivanhoe"), dirige Eugenio Cavallini (1° violino), maestro al cembalo Giacomo Panizza, maestri del coro Antonio Cattaneo e Giulio Granatelli, coreografia di Giovanni Galzerani, scenografia di Baldassare Cavallotti e Domenico Menozzi {soprani Luigia Abbadia (Rovena) e Emilia Turpini (Emma), mezzosoprano Antonietta Raineri Marini (Rebecca), tenori Lorenzo Salvi (Vilfredo d'Ivanhoe) e Giuseppe Vaschetti (Isacco di York), baritono Raffaele Ferlotti (Briano di Bois-Guilbert), bassi Raffaele Scalese (Cedrico) e Gaetano Rossi (Luca di Beaumanoir/Gualtiero)}
> 5 Settembre 1840, Sabato
première (insuccesso) nel Teatro alla Scala di Milano di "Un giorno di regno ossia Il finto Stanislao" ("Un giorno di regno"), melodramma giocoso in 2 atti e 5 scene di Giuseppe Verdi, libretto di Felice Romani, revisione di Temistocle Solera (da Alexandre-Vincent Pineux-Duval: "Le faux Stanislas"), dirige Eugenio Cavallini (1° violino), maestro al cembalo Giacomo Panizza, maestri del coro Antonio Cattaneo e Giulio Granatelli, scenografia di Baldassarre Cavallotti e Domenico Menozzi {soprano Antonietta Raineri Marini (marchesa Del Poggio), mezzosoprano Luigia Abbadia (Giulietta Kelbar), tenori Lorenzo Salvi (Edoardo Sanval), Napoleone Marconi (Delmonte) e Giuseppe Vaschetti (conte Ivrea), baritono Raffaele Ferlotti (cavaliere Belfiore/re Stanislao), bassi buffi Raffaele Scalese (barone Kelbar) e Agostino Rovere (La Rocca)}
> 3 Ottobre 1840, Sabato
prima rappresentazione nel Teatro alla Scala di Milano di "La figlia del reggimento" ("La fille du régiment"), melodramma comico (opera buffa, 2° versione) in 2 atti di Gaetano Donizetti, libretto di Jean-François-Alfred Bayard e Jules-Henri Vernoy de Saint-Georges, traduzione italiana e riduzione ritmica di Calisto [Callisto] Bassi, dirige Eugenio Cavallini (1° violino), scenografia di Baldassarre Cavallotti e Domenico Menozzi {soprano Luigia Abbadia (Maria), mezzosoprano Teresa Ruggeri-Visanetti (marchesa Maggiorivoglio), tenori Lorenzo Salvi (Tonio), Napoleone Marconi (caporale) e Giovanni Battista Tiraboschi (notaio/paesano), bassi Gaetano Rossi (Ortensio) e buffo Raffaele Scalese (Sulpizio), recitante (duchessa Craquitorpi)}
> 5 Aprile 1842, Martedì
ripresa nel Teatro Comunale di Bologna di "Chiara di Rosemberg" ("Chiara di Montalbano", "Chiara di Montalbano in Francia"), melodramma semiserio in 2 atti e 24 scene di Luigi Ricci, libretto di Gaetano Rossi (da Luigi Marchionni: "Chiara di Rosemberg calunniata" e "Chiara di Rosemberg riconosciuta innocente"), dirige Giuseppe Manetti (1° violino), maestro del coro Francesco Roncagli, concertatore Cesare Aria, scenografia di Giuseppe Bortolotti {soprani Jenny Olivier (Chiara), Assunta Belelli (contessa Eufemia) e Giuseppina Berlam (Marcella), tenore Matteo Tosi (marchese Carlo di Valmore), bassi Tobia Paglierini (conte Rosemberg), Luigi Rinaldini (Odoardo di Montalbano) e Raffaele Scalese (Michelotto)}
> 23 Aprile 1842, Sabato
ripresa nel Teatro Comunale di Bologna di "L'elisir d'amore", melodramma giocoso (1° versione) in 2 atti e 8 scene di Gaetano Donizetti, libretto di Felice Romani (da Silvio Malaperta: "Il filtro" e da Eugène Scribe: "Le philtre"), dirige Giuseppe Manetti (1° violino), maestro del coro Francesco Roncagli, concertatore Cesare Aria, scenografia di Giuseppe Bortolotti {soprani lirico coloratura Jenny Olivier (Adina) e soubrette Assunta Belelli (Giannetta), tenore lirico Leone Corelli (Nemorino), bassi buffo Raffaele Scalese (Belcore) e buffo Luigi Rinaldini (Dulcamara)}
> 4 Maggio 1842, Mercoledì
ripresa nel Teatro Comunale di Bologna di "Chi dura vince ossia La luna di miele", melodramma eroicomico (giocoso) in 2 atti di Luigi Ricci, libretto di Jacopo Ferretti, dirige Giuseppe Manetti (1° violino), maestro del coro Francesco Roncagli, concertatore Cesare Aria, scenografia di Giuseppe Bortolotti {soprani Assunta Belelli (baronessa) e Carolina Cuzzani (Elisa di Beaucour), tenori Leone Corelli (conte Emilio/Andrea) e Matteo Tosi (Biagio), bassi Raffaele Scalese (Gennaro Malerba) e Luigi Rinaldini (Giovanni)}
> 14 Maggio 1842, Sabato
prima rappresentazione nel Teatro Comunale di Bologna di "Alina regina di Golconda", melodramma semiserio (opera buffa, 2° versione) in 2 atti di Gaetano Donizetti, libretto di Felice Romani (da Stanislas-Jean de Boufflers: "La reine de Golconde" e da Michel-Jean Sedaine), dirige Giuseppe Manetti (1° violino), maestro del coro Francesco Roncagli, concertatore Cesare Aria, scenografia di Giuseppe Bortolotti {soprani Jenny Olivier (Alina) e Carolina Cuzzani (Fiorina), tenori Leone Corelli (Seide) e Matteo Tosi (Hassan), bassi Raffaele Scalese (Volmar) e buffo Luigi Rinaldini (Belfiore), recitante (Cora)}
> 21 Maggio 1842, Sabato
prima rappresentazione nel Teatro Comunale di Bologna di "Il nuovo Figaro", melodramma giocoso in 2 atti di Luigi Ricci, libretto di Jacopo Ferretti, dirige Giuseppe Manetti (1° violino), maestro del coro Francesco Roncagli, concertatore Cesare Aria, scenografia di Giuseppe Bortolotti {soprani Jenny Olivier (Amalia) e Giuseppina Berlam (Carlotta), tenori Matteo Tosi (Andrea di Cernay) e Leone Corelli (principe Federico), bassi Raffaele Scalese (Leporello), Ferdinando Lauretti (barone Sigismondo) e Tobia Paglierini (Demetrio-vecchio militare)}
> 25 Maggio 1842, Lunedì
prima rappresentazione nel Nuovo Ducale Teatro di Parma di "Chi dura vince" ("La luna di miel"), melodramma eroicomico in 2 atti di Luigi Ricci, libretto di Jacopo Ferretti, dirige Nicola De Giovanni, concertatore Ferdinando Orlandi, maestro del coro Giuseppe Barbacini, scenografia di Nicola Aquila {soprani Assunta Belleli (baronessa) e Carolina Cuzzani (Elisa di Beaucour), tenori Leone Corelli (conte Emilio/Andrea) e Tobia Pagliarini (Biagio), bassi Raffaele Scalese (Gennaro Malerba) e Luigi Rinaldini (Giovanni)}
> 4 Giugno 1842, Sabato
ripresa nel Nuovo Ducale Teatro di Parma di "L'elisir d'amore", melodramma giocoso (1° versione) in 2 atti e 8 scene di Gaetano Donizetti, libretto di Felice Romani (da Silvio Malaperta: "Il filtro" e da Eugène Scribe: "Le philtre"), dirige Nicola De Giovanni, concertatore Ferdinando Orlandi, maestro del coro Giuseppe Barbacini, scenografia di Nicola Aquila {soprani lirico coloratura Jenny Olivier (Adina) e soubrette Giuseppina Berlam (Giannetta), tenore lirico Leone Corelli (Nemorino), bassi buffo Luigi Rinaldini (Belcore) e buffo Raffaele Scalese (Dulcamara)}
> 18 Giugno 1842, Sabato
ripresa nel Nuovo Ducale Teatro di Parma di "Alina regina di Golconda", melodramma semiserio (2° versione) in 2 atti di Gaetano Donizetti, libretto di Felice Romani (da Stanislas-Jean de Boufflers: "La reine de Golconde" e da Michel-Jean Sedaine), dirige Nicola De Giovanni, concertatore Ferdinando Orlandi, maestro del coro Giuseppe Barbacini, scenografia di Nicola Aquila {soprani Jenny Olivier (Alina) e Giuseppina Berlam (Fiorina), tenori Leone Corelli (Seide) e Tobia Pagliarini (Hassan), bassi Luigi Rinaldini (Volmar) e buffo Raffaele Scalese (Belfiore), recitante (Cora)}
> 23 Giugno 1842, Giovedì
replica nel Nuovo Ducale Teatro di Parma del 1° atto di "Alina regina di Golconda", melodramma semiserio (2° versione) in 2 atti di Gaetano Donizetti, libretto di Felice Romani (da Stanislas-Jean de Boufflers: "La reine de Golconde" e da Michel-Jean Sedaine) e del 3° atto di "Il giuramento", melodramma in 3 atti di Saverio Mercadante, libretto di Gaetano Rossi (da Victor Hugo: "Angelo"), dirige Nicola De Giovanni, concertatore Ferdinando Orland, maestro del coro Giuseppe Barbacini, scenografia di Nicola Aquila {soprani Jenny Olivier (Alina/Elaisa) e Giuseppina Berlam (Fiorina/Isaura), tenori Leone Corelli (Seide/Viscardo) e Tobia Pagliarini (Hassan/Brunoro), bassi Luigi Rinaldini (Volmar/Manfredo) e buffo Raffaele Scalese (Belfiore)}

Vai alla pagina: 1 | 2 | 3 |