L'Almanacco di Gherardo Casaglia

ALMANACCO

Nel box sottostante è possibile effettuare una ricerca mirata su oltre 180.000 records, contenuti in archivio, di informazioni su tutta la musica.

Cerca un avvenimento:

  Data:    ,   Testo:   
Stringa   Parola Intera   Parte di parola



Occorrenze trovate: 31

< Precedente
Pagina 1 di 2
Successiva >

> 6 Maggio 1824, Giovedì
nasce a Genova il compositore, Kapellmeister, pianista, organista e direttore d'orchestra Serafino Amedeo De Ferrari
> 11 Febbraio 1854, Sabato
première nel Teatro Carlo Felice di Genova di "Don Carlo", tragedia lirica opera seria (1° versione) in 3 atti di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Giovanni Pennacchi (da Friedrich Schiller: "Don Carlos, Infant von Spanien"), dirige il compositore {soprani lirico-drammatico Fanny Salvini-Donatelli (Isabella di Valois) e Carolina Zambelli (principessa Eboli), tenori Lodovico Graziani (Don Carlo) e Giuseppe Capello (Fernando Alvarez di Toledo), baritoni Francesco Cresci (marchese di Posa) e Giovanni Garibaldi (Diego Espinosa), bassi Nicola Benedetti (Filippo II) e Giuseppe Romanelli (Domingo)}
> 25 Novembre 1855, Domenica
première (successo) nel Teatro (Gallo) San Benedetto di Venezia di "Pipelet o Il portinaio di Parigi" ("Pipelè"), melodramma giocoso (opera buffa) in 3 atti (parti) di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone (da Eugène Sue: "Les mystères de Paris"), dirige il compositore {soprani Adele Bussi (Rigoletta) e Antonietta Mazzucco (Maddalena), tenori Giovanni Pavoni (Carlo Duresnel) e Gaetano Mora (messo), bassi Domenico Dal Negro (Don Jacopo), Achille D'Ettore (Cabrion) e Franco Finetti (Pipelet)}
> 24 Febbraio 1856, Domenica
prima rappresentazione nel Teatro Doria di Genova di "Pipelè ossia Il portinaio di Parigi" ("Pipelet"), melodramma giocoso (opera buffa) in 3 atti (parti) di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone (da Eugène Sue: "Les mystères de Paris") {soprani Giulia Cirelli/Elisa Lipparini (Rigoletta) e Elisa Ricci Puccini (Maddalena), tenori Giorgio D'Antoni (Carlo Duresnel) e Francesco Venenzi (messo), bassi Stefano Sala (Don Jacopo), Luigi Ferrario (Cabrion) e Carlo Cambiaggio (Pipelè)}
> 26 Dicembre 1856, Venerdì
première nel Teatro Carlo Felice di Genova di "Filippo II" (rifacimento di "Don Carlo"), opera seria (2° versione) in 3 atti di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone (da Giovanni Penacchi e da Friedrich Schiller: "Don Carlos, Infant von Spanien"), dirige il compositore {soprani lirico-drammatico Fanny Salvini-Donatelli (Isabella di Valois) e Carolina Zambelli (principessa Eboli), tenori Lodovico Graziani (Don Carlo) e Giuseppe Capello (Fernando Alvarez di Toledo), baritoni Francesco Cresci (marchese di Posa) e Giovanni Garibaldi (Diego Espinosa), bassi Nicola Benedetti (Filippo II) e Giuseppe Romanelli (Domingo)}
> 26 Dicembre 1857, Sabato
prima rappresentazione nel Teatro Comunale di Bologna di "Pipelet o Il portinaio di Parigi" ("Pipelè"), melodramma giocoso (opera buffa) in 3 atti (parti) di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone (da Eugène Sue: "Les mystères de Paris"), dirige Giuseppe Manetti (1° violino), maestro del coro Alessandro Moreschi, concertatore Emanuele Muzio {soprani Virginia Pozzi (Rigoletta) e Enrichetta Lauretti (Maddalena), tenore Salvatore De Angelis (Carlo), baritono Filippo Giannini (Cabrion), bassi Guglielmo Giordani (Iacopo) e Cesare Bellincioni (Pipelet)}
> 7 Agosto 1858, Sabato
première (insuccesso) nel Teatro alla Fenice di Venezia di "Il matrimonio per concorso", melodramma comico (opera buffa) in 3 atti e 27 scene di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Domenico Bancalari e David Michele Chiossone (da Carlo Goldoni), dirige Carlo Ercole Bosoni, maestro del coro Luigi Carcano, 1° violino Luigi Balestra, regia di Francesco Maria Piave, scenografia di Giuseppe Bertoja {soprani Virginia Boccabadati-Carignani (Lisetta) e Marietta Allievi (Dorina), tenori Giacomo Galvani (Alberto) e Antonio Galletti (La Rose), baritono Enrico Crivelli (Filippo), bassi Giovanni Zucchini (Pandolfo) e Andrea Bellini (Anselmo)} e replica di "Rita Gauthier", ballo grandioso in 5 parti di Filippo Termanini e Domenico Mirco, soggetto e coreografia di Filippo Termanini, dirige Alessandro Ghislanzoni (1° violino) {ballerine Augusta Maywood (Rita), Filomena Pratesi (Flora Bevoir), Eugenia Strom (Annina), Carolina Botalli, Giuseppina Paglieri e Giuseppina Venisio (passo a tre), ballerini Carlo Foriani (Alfredo), Ferdinando Pratesi (Giorgio Germont), Filippo Termanini (barone Duval) e Antonio Cecchetti (dr.Grenvil)}
> 28 Settembre 1858, Martedì
prima rappresentazione nel Teatro Carlo Felice di Genova di "Il matrimonio per concorso", melodramma comico (opera buffa) in 3 atti e 27 scene di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Domenico Bancalari e David Michele Chiossone (da Carlo Goldoni), dirige Carlo Ercole Bosoni, maestro del coro Luigi Carcano, 1° violino Luigi Balestra, regia di Francesco Maria Piave, scenografia di Giuseppe Bertoja {soprani Virginia Boccabadati-Carignani (Lisetta) e Marietta Allievi (Dorina), tenori Giacomo Galvani (Alberto) e Antonio Galletti (La Rose), baritono Enrico Crivelli (Filippo), bassi Giovanni Zucchini (Pandolfo) e Andrea Bellini (Anselmo)}
> 17 Aprile 1859, Domenica
première nel Teatro Andrea Doria di Genova di "Il menestrello", melodramma giocoso (opera buffa, 1° versione) in 3 atti di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone, dirige il compositore {soprano Teresina Pozzi (Luisa), contralto Caterina Valtorta (marchesa Montalto), tenori Antonio Mercanti (Ernesto) e Francesco De Giovanni (Beppo/oste), baritono Giuseppe Altini (Don Eustachio), basso Alessandro Bottero (Gennariello)}
> 10 Luglio 1859, Domenica
prima rappresentazione nel Teatro del Fondo della Separazione di Napoli di "Pipelet o Il portinaio di Parigi" ("Pipelè"), melodramma giocoso (opera buffa) in 3 atti (parti) di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone (da Eugène Sue: "Les mystères de Paris"), dirige Antonio Farelli, scenografia di Giuseppe Castagna, Pietro Venieri, Vincenzo Fico, Luigi Deloisio e Marco Corazza {soprano Zenoni-De Ferrari (Rigoletta), mezzosoprano Nocciuoli (Maddalena), tenori Mariano Conti (Carlo) e Nicola Tucci (usciere), baritono Luigi Brignole (Cabrion), bassi Marco Arati (Don Jacopo) e Raffaele Scalese (Pipelet)}
> 23 Luglio 1861, Martedì
prima rappresentazione nel Teatro Paganini di Genova di "Il menestrello", melodramma giocoso (2° versione) in 3 atti di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone, dirige il compositore {soprano (Luisa), contralto (marchesa Montalto), tenori (Ernesto) e (Beppo/oste), baritono (Don Eustachio), basso (Gennariello)}
> 26 Dicembre 1861, Giovedì
prima rappresentazione nel Teatro Comunale di Trieste di "Pipelet o Il portinaio di Parigi" ("Pipelè"), melodramma giocoso (opera buffa) in 3 atti (parti) di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone (da Eugène Sue: "Les mystères de Paris") {soprani (Rigoletta) e (Maddalena), tenore (Carlo Duresnel), baritono (Cabrion), bassi (Don Jacopo) e (Pipelet)}
> 28 Dicembre 1861, Sabato
prima rappresentazione nel Teatro Comunale di Catania di "Pipelet o Il portinaio di Parigi" ("Pipelè"), melodramma giocoso (opera buffa) in 3 atti (parti) di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone (da Eugène Sue: "Les mystères de Paris"), dirige Rosario Spedalieri, maestro del coro Matteo Marrafini, scenografia di Giuseppe Di Stefano [De Stefani] Ferro e Carmelo Di Stefano [De Stefani] Camilleri {soprano Luigia Tamburini (Rigoletta), contralto Marietta Martinelli Menici (Maddalena), tenore Salvatore Anastasi (Carlo), baritono Francesco Corona (Cabrion), bassi Agatino Bonsignore (don Jacopo) e Eugenio Menici (Pipelet)}
> 8 Gennaio 1863, Giovedì
prima rappresentazione nel Teatro Comunale di Trieste di ""Il menestrello"", melodramma giocoso (2° versione) in 3 atti di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone, dirige il compositore {soprano (Luisa), contralto (marchesa Montalto), tenori (Ernesto) e (Beppo/oste), baritono (Don Eustachio), basso (Gennariello)}
> 9 Novembre 1864, Mercoledì
première nel Teatro Carlo Felice di Genova di "Il cadetto di Guascogna", commedia lirica (opera buffa, 1° versione) in 3 atti di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone, dirige il compositore {soprano Ginevra Giovannoni-Zacchi (Amelia), contralto Angelina Borotti (Berta), tenori Ernesto Palermi (Lionello), Antonio Furlani (marchese) e Angelo Rocca (visconte), baritoni Luigi Brignole (conte di Fontanges) e Gerolamo Luxoro (barone), bassi Maurizio Borella (Tancredi di Boissec) e Pietro [Gian Pietro] Milesi (Farfallone/Germano)}
> 1 Aprile 1865, Sabato
prima rappresentazione nel Teatro Regio di Parma di "Pipelè ossia Il portinaio di Parigi" ("Pipelet o Il portinaio di Parigi"), melodramma giocoso (opera buffa) in 3 atti (parti) di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone (da Eugène Sue: "Les mystères de Paris"), dirige Giulio Cesare Ferrarini, concertatore Giovanni Rossi, maestro del coro Giuseppe Griffini, scenografia di Girolamo Magnani {soprani Mariannina Pancaldi (Rigoletta) e Carolina Zamboni (Maddalena), tenore Raffaele Celestini (Carlo Duresnel), bassi Giovanni Zambellini (Don Jacopo), Achille D'Ettore (Cabrion) e Maurizio Borella (Pipelet)}
> 24 Febbraio 1866, Sabato
prima rappresentazione nel Teatro Riccardi di Bergamo di "Pipelet o Il portinaio di Parigi" ("Pipelè"), melodramma giocoso (opera buffa) in 3 atti (parti) di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone (da Eugène Sue: "Les mystères de Paris"), dirige Emanuele Rovelli, maestro del coro Francesco Maria Zanchi {soprani Giuseppina Ferrari (Rigoletta) e Adele Ventura (Maddalena), tenore Pietro Fabbri (Carlo Duresnel), baritono Erasmo Carnili (Cabrion), bassi Benedetto Accordi (Don Jacopo) e Aristide Fiorini-Bruni (Pipelet)}
> 26 Marzo 1867, Martedì
prima rappresentazione nel Teatro Comunale di Trieste di "Il cadetto di Guascogna", commedia lirica (opera buffa, 1° versione) in 3 atti di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone, dirige il compositore {soprano (Amelia), contralto (Berta), tenori (Lionello), (marchese) e (visconte), baritoni (conte di Fontanges) e (barone), bassi (Tancredi di Boissec) e (Farfallone/Germano)}
> 28 Marzo 1868, Sabato
ripresa nel Teatro Riccardi di Bergamo di "Pipelet o Il portinaio di Parigi" ("Pipelè"), melodramma giocoso (opera buffa) in 3 atti (parti) di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone (da Eugène Sue: "Les mystères de Paris"), dirige Giovanni Cerioni, maestro del coro Francesco Maria Zanchi {soprani Luigia De Baillon (Rigoletta) e Adele Ventura (Maddalena), tenore Antonio Carnelli (Carlo Duresnel), baritono Guglielmo Murri (Cabrion), bassi Cesare Banchi (Don Jacopo) e Alessandro Polonini (Pipelet)}
> 26 Gennaio 1869, Martedì
ripresa nel Teatro Comunale di Catania di ""Pipelet o Il portinaio di Parigi"" (""Pipelè""), melodramma giocoso (opera buffa) in 3 atti (parti) di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone (da Eugène Sue: ""Les mystères de Paris""), dirige Mangiulli, maestro del coro Mario Distefano, scenografia di Giuseppe Di Stefano [De Stefani] Ferro e Carmelo Di Stefano [De Stefani] Camilleri {soprano Fortunata Quercioli (Rigoletta), contralto Margherita Sereno Setragni (Maddalena), tenore Pietro Setragni (Carlo), baritono Francesco Tirini (Cabrion), bassi Augusto Pelletti (don Jacopo) e Giacomo Castelli Cilli (Pipelet)}
> 16 Ottobre 1869, Sabato
prima rappresentazione nel Teatro Regio di Parma di "Il menestrello", melodramma giocoso (2° versione) in 3 atti di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone, dirige Carlo Comandini (1° violino), concertatore Giovanni Rossi, maestro del coro Giuseppe Griffini, scenografia di Girolamo Magnani {soprano Flaminia Munari Cosmi (Luisa), contralto Angiolina Borotti (marchesa Montalto), tenori Raoul Morea (Ernesto) e Giovanni Quarantelli (Beppo/oste), baritono Ferdinando Archinti (Don Eustachio), basso Giovanni Marchisio (Gennariello)}
> 14 Settembre 1870, Mercoledì
prima rappresentazione nel Teatro Solís di Montevideo di "Pipelet o Il portinaio di Parigi" ("Pipelè"), melodramma giocoso (opera buffa) in 3 atti (parti) di Serafino Amedeo De Ferrari, libretto di Raffaele Berninzone (da Eugène Sue: "Les mystères de Paris"), dirige il compositore, scenografia di Lambert e Pittaluga {soprano Amelia Pasi (Rigoletta), mezzosoprano Isabella María Escalante (Maddalena), tenore Emidio Ballerini (Carlo Duresnel), baritono Achille Rossi-Ghelli (Cabrion), baritono Edoardo Bonetti (don Jacopo), basso P.Ferrari (Pipelet)}
> 26 Dicembre 1876, Martedì
prima rappresentazione nel Teatro Regio di Parma di "Diana di Chaverny", dramma lirico in 3 atti e 21 numeri di Filippo Sangiorgi, libretto di Carlo D'Ormeville, dirige Serafino Amedeo De Ferrari, maestro del coro Giuseppe Griffini, scenografia di Girolamo Magnani {soprani Bianca Remondini (Diana di Chaverny) e Caterina Piccini (m.me des Roches), tenori Lodovico Giraud (Gastone di Chanley), Venceslao Peterlini (Tapin) e (marchese d'Auvray), baritono Alberto Navarri (duca Filippo d'Orléans), bassi Ervino Villelmi (barone d'Arnoy) e Giovanni Battista Cornago (conte Monban)}
> 6 Gennaio 1877, Sabato
ripresa nel Teatro Regio di Parma di ""Il trovatore"", melodramma (1° versione) in 4 parti (1.Il duello, 2.La gitana, 3.Il figlio della zingara, 4.Il supplizio), 8 quadri, 20 scene e 14 numeri di Giuseppe Verdi, libretto di Salvatore Cammarano, completato da Leone Emmanuele Bardare (da Antonio García Gutiérrez: ""El trovador""), dirige Serafino Amedeo De Ferrari, maestro del coro Giuseppe Griffini, scenografia di Girolamo Magnani {soprani drammatico coloratura Bianca Remondini (Leonora) e Caterina Piccini (Ines), mezzosoprano drammatico Climene Calas (Azucena), tenori lirico Lodovico Giraud (Manrico), buffo Venceslao Peterlini (Ruiz) e Carlo Pasini (messo), baritono lirico Alberto Navarri (conte di Luna), bassi profondo Ervino Villelmi (Ferrando) e Ugolino Ferrari (vecchio zingaro)}
> 25 Gennaio 1877, Giovedì
ripresa nel Teatro Regio di Parma di ""Jone ovvero L'ultimo giorno di Pompei"", dramma lirico (opera seria) in 4 atti di Errico Petrella, libretto di Giovanni Peruzzini (da Edward George Bulwer-Lytton: ""The Last Days of Pompeii""), dirige Serafino Amedeo De Ferrari, maestro del coro Giuseppe Griffini, scenografia di Girolamo Magnani {soprani Bianca Remondini (Jone) e Caterina Piccini (Dirce), mezzosoprano Teresa Stempel (Nidia), tenori Lodovico Giraud (Glauco) e Venceslao Peterlini (Clodio), baritono Cristiano Marziali (Arbace), bassi Giovanni Battista Cornago (Sallustio) e Ervino Villelmi (Burbo}

Vai alla pagina: 1 | 2 |